lunedì 15 ottobre 2012

Chianti Classico DOCG, Castello dei Rampolla 2008


Attorno al Castello dei Rampolla regna ancora un’alone di mistero tra gli abitanti del Chianti.
“Fino all’anno scorso sparavano alle macchine”, mi dissero in paese, con quel tono burlesco tipico toscano. Decido di scoprire cosa c’è di vero in quella leggenda paesana, ma più intimorito dalle condizioni della strada che altro, con quel nome “ Via Case Sparse” che di per se è un programma.
Ma le case sono sparse davvero nella Conca d’Oro di Panzano, e sparsi sono pure i grossi massi che si devono superare con l’auto dopo aver seguito le indicazioni per il castello che portano a S.Lucia in Faulle.
L’arrivo è invece di una tranquillità bucolica.
Edificio di campagna, qualche mezzo agricolo, una vasca per la preparazione biodinamica.
Si, perchè la biodinamica è di casa da alcuni anni, non troppo pubblicizzata e senza certificazione.
Sono stato un paio di volte finora.
Accoglienza rustica, in una piccola costruzione con forno per il pane.
Sullo sfondo, il leggendario vigneto del D’Alceo.
Gentilezza da ospitalità di campagna, schietta, di chi non esita a stapparti una bottiglia da 100 euro pur sapendo che non la comprerai mai.
Dietro i due colossi di casa, D’Alceo e Sammarco, c’è un bel Chianti Classico, annata 2008, che dice solamente bevimi.
E’ già granato scuro, ma ci sono dei bei riflessi rubino brillante.
Scorrevole ed elegante nel bicchiere.
C’è però della materia che forma una selva di archetti.
Il profumo è intenso, un susseguirsi interminabile di variazioni aromatiche.
Pellami e cuoio, macchia mediterranea, lavanda, ciliegia sotto spirito, confetture di frutti di bosco, balsamico, legno di sandalo, carne, carruba, boero.
In bocca è gustoso, caldo e morbido, ma il sorso è teso e vibrante di freschezza e sapidità.
Tannini abbondanti e finissimi.
Il finale è lungo, molto lungo, su gustosi ritorni fruttati.
Grande equilibrio e armonia.
Ottimo il rapporto qualità/prezzo, per un fratello minore che poi tanto piccolo non è.
Mi piacerebbe pensassero, magari lo hanno già fatto, ad un Sangiovese in purezza.
Sarebbe una bella sfida, ma penso che loro sappiano già come vincerla.

   
CASTELLO DEI RAMPOLLA
Azienda Agricola S.Lucia in Faulle
Via S. Lucia in Faulle -50020 Panzano in Chianti (FI)
Tel. 055 852001 Fax. 39 055 852533

2 commenti:

  1. Daniele, questo post casca proprio a "fagiuolo". Sto organizzando una giornata in Chianti (se vuoi aggregarti, sei il benvenuto) e Castello dei Rampolla è tra le aziende dove volevamo andare. Sono molto curioso, dopo averti letto ancora di più.
    Indicativamente i prezzi sono abbordabili?
    A presto.

    RispondiElimina
  2. Sarei contento di fare un giro con voi.
    Tienimi informato :)
    Il Chianti Classico costava circa 11 euro, gli altri vini molto di più.
    Una tappa da non mancare.

    RispondiElimina